Scopri i corsi di Nicola Sodano, rivolti a professionisti e aziende, per conoscere i segreti di Magento E-Commerce.

Nicola Sodano, Come creare un sito E-Commerce con Magento

Scarica in omaggio la mia guida completa e utile, che illustra come migliorare il tuo sito e-commerce.

Scarica ora la tua copia:

Magento Download Come scaricare Magento 2

Magento Download: Come scaricare Magento 2

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo sul tuo social preferito
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Ho creato questa guida per illustrarti i 3 metodi principali per effettuare il Download di Magento 2.

In particolare ci dedicheremo alla versione Open Source del CMS.

Vedremo quindi, nel dettaglio, come fare e quali sono i pro e i contro.

Non analizzerò il Download di Magento 1, per il quale comunque le procedure descritte sono pressoché simili.

Ma ne vale la pena scaricare Magento 1? Adobe dismetterà il supporto alla prima versione nel 2020.

Magento Download: Prima di iniziare

Prima di metterci comodamente seduti e vedere come scaricare Magento 2, hai bisogno di un ambiente su cui lavorare.

Puoi installare localmente una macchina virtuale, con VirtualBox e, tramite Virtualmin, installare un virtual Server dedicato a Magento.

Trovi ulteriori dettagli nella guida che ti insegna ad installare Magento 2 più approfonditamente.

1. Scaricare Magento manualmente

Questa è la prima modalità, più semplice e immediata.

Ed è in genere quella adottata da chi è alle prime armi, anche se non è, come ti spiegherò dopo, quella più comoda.

Devi andare nella pagina di download di Magento e cercare la release 2.3.1.

Pagina di Download

Attualmente l’ultima versione di Magento 2, è la 2.3.1.

Ovviamente, se stai leggendo questa guida, dovrai cercare l’ultima disponibile, che potrebbe non essere quella citata, ma una successiva.

Una volta trovata la tua versione, seleziona il formato, ti consiglio di scaricare quella tar.gz (dopo ti spiegherò come scompattarla) e cliccare su “Download”.

Downlad del file tar.gz

Quando premi il pulsante, il portale ti chiede di autenticarti.

 Pagina di Download autenticazione

Inserisci le tue credenziali, oppure registra un nuovo account.

A questo punto si avvierà il download della versione Community Edition di Magento (che, ti ricordo, ora si chiama Magento Open Source!)

Una volta scaricato il file hai due opzioni.

Opzione 1. Installare i file in Locale

Se stai lavorando direttamente sul portatile o pc desktop su cui devi installare Magento (scelta che ti sconsiglio), il miglior modo per scompattare il file è usare Winrar.

Non ti spiego ovviamente come scaricarlo e installarlo 🙂

Winrar

Ti è sufficiente fare click col tasto destro del mouse sul file e scegliere l’opzione “Estrai file in Magento-CE-2.3.1”.

Una volta terminata l’estrazione dei file, potrai spostare la cartella nella destinazione che preferisci, magari quella del tuo Web Server (/var/www o /home se sei su Linux e usi Apache2, c:\inetpub\wwwroot se sei su Windows e stai usando IIS)

Opzione 2. Caricare i File tramite FileZilla

La seconda opzione è quella di usare Filezilla (o un altro client FTP), per caricare i tuoi file in remoto (oppure su una macchina virtuale).

In questo caso dovrai spostare il file tar.gz direttamente nella cartella di destinazione del tuo virtual host.

Filezilla - FTP

Una volta collegato al tuo server, ti sarà sufficiente trascinare il file tar.gz dall’elenco dei file nella cartella Download, verso la cartella public_html sul tuo server (o in alternativa /var/www se non stai usando virtualmin).

Una volta caricato il file, dovrai collegarti in SSH al tuo virtual host, tramite la tua shell (se usi MacOSX o il client SSH di windows 10), oppure tramite un software specifico come Putty oppure Kitty.

Una volta collegato in SSH, spostati nella cartella dove hai caricato il file tar.gz e digita:

tar -zxvf <nome del file>

In questo modo scompatterai il file preservando i permessi utente e i percorsi.

SSH - Estrazione file tar.gz

Una volta eseguito il comando e portata a termine l’estrazione dei file, non ti resta che digitare ls -la per verificare il contenuto della cartella.

A questo punto non ti resta che procedere con la normale installazione di Magento 2, seguendo la mia guida.

Non l’hai ancora letta? Puoi farlo da qui.

Scaricare Magento Manualmente: Pro e Contro

Come hai visto effettuare il Download di Magento manualemente, è un’operazione abbastanza semplice, sebbene sia laboriosa, in quanto richiede diversi passaggi, come il download del file dal portale Magento e il caricamento, tramite FTP, sul tuo server di destinazione.

2. Scaricare Magento da GitHub

Se vuoi contribuire allo sviluppo di Magento e utilizzare le versioni che sono ancora in fase di test, puoi seguire questa strada.

Ovviamente seguila se intendi dare un contributo valido alla community 🙂

Per farlo devi avere un account GitHub e scaricare Magento dalla pagina dedicata al progetto.

Github - Pagina Magento 2

In basso a destra clicca su Clone or Download e poi su “Download ZIP”.

Github - Download file zip

Se non sei autenticato, Github ti chiede di farlo, oppure di registrarti.

Puoi eventualmente clonare il progetto usando Git, ma non affronteremo questo caso specifico.

Una volta terminato il download, puoi seguire la stessa procedura usata prima, quindi estrarre in locale il file, oppure caricarlo su un virtual server e estrarlo tramite il comando unzip.

Seguendo questa strada hai scaricato l’ultima versione in fase di sviluppo.

Ma se vuoi scaricare altri branch devi selezionarli, cliccando sul menu a discesa in alto, a sinistra.

GitHub

Da qui puoi scaricare l’ultima versione stabile della 2.0, oppure della 2.1 o della 2.2.

Oppure quelle in fase di sviluppo relative alle versioni 2.2 e 2.3 (ramo develop).

Scaricare Magento da GitHub: Pro e Contro

Sebbene questa strada sia molto comoda, ti sconsiglio di adottarla se sei alle prime armi con Magento.

Usa questa modalità se intendi contribuire allo sviluppo della piattaforma.

3. Scaricare Magento tramite Composer

Questa è assolutamente la strada che preferisco per il Download di Magento.

Ne ho parlato approfonditamente, pertanto ti invito a seguire la mia guida come installare Magento 2.

Composer, come ho già spiegato, è un tool che ti permette di gestire le dipendenze tra i moduli di Magento e le estensioni di terze parti.

Quando aggiorni la piattaforma, verranno aggiornate in automatico tutte le estensioni, accedendo ai repository indicati all’interno del file composer.json.

Tu non devi fare nulla, composer pensa a tutto.

Magento Download: Conclusioni

Come hai potuto vedere, scaricare Magento non è un’operazione assolutamente difficile.

Scegli il metodo che preferisci e inizia a lavorare con questo fantastico CMS.

Se la guida ti è stata utile, vuoi fornirmi un feedback o dei suggerimenti, non esitare a lasciare un commento.

Puoi cercarmi anche su Facebook.

Vuoi scoprire come ottimizzare il tuo ecommerce in pochi semplici steps?

Scarica la mia guida gratuita.

Ebook Gratuito "Ottimizza il tuo sito e-commerce in pochi semplici steps"

Per saperne di più

Ecco alcuni link utili:

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo sul tuo social preferito
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

nicolasodano

View posts by nicolasodano
Ingegnere informatico e imprenditore. Da più di dieci anni mi occupo di consulenza per soluzioni Cloud ed E-Commerce. "Nerd" doc, ho la mania dei pc e dei videogames.

Lascia un commento

nicolasodano
Scroll to top