Scopri i corsi di Nicola Sodano, rivolti a professionisti e aziende, per conoscere i segreti di Magento E-Commerce.

Nicola Sodano, Come creare un sito E-Commerce con Magento

Scarica in omaggio la mia guida completa e utile, che illustra come migliorare il tuo sito e-commerce.

Scarica ora la tua copia:

Novità Magento 2.3

Novità Magento 2.3: Tutto quello che devi sapere

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo sul tuo social preferito
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Ormai la piattaforma e-commerce più popolare presente sul mercato, è arrivata a un livello di maturazione tale da rendere obsoleta la prima versione. Di recente, il team di sviluppo ha annunciato che Magento 1 non riceverà più supporto a partire dal 2020.

Novità Magento 2.3: Siamo ormai lontani dalle versioni ancora acerbe 2.0 e 2.1, che presentavano diversi problemi e limiti, superati in buona parte con la successiva release 2.2.

Oltre ad elencarti i miglioramenti di questa nuova versione, discuteremo nel dettaglio ciascuno di essi.

Novità Magento 2.3: Scopriamole insieme

Vediamo ora le novità principali introdotte da questa nuova release di Magento. Alcune sono disponibili solo per la versione Magento Commerce, che un tempo si chiamava Magento Enterprise e non saranno disponibili, invece, per quella Open Source.

Multi-Source Inventory (MSI): Gestione multi magazzino

Era da tempo nell’aria, ma finalmente è stato rilasciato il modulo di gestione multi-magazzino.

Ora Magento offre la possibilità di gestire più sorgenti (come magazzini, o centri di distribuzione) e stabilire regole di priorità per gestire nella maniera desiderata scarichi e i carichi di magazzino.

Questa feature permette di integrare ERP o sistemi di terze parti che prevedano l’uso di più magazzini.

Multi Source Inventory
Magento Multi Source Inventory

PWA Studio: creare e-commerce app ottimizzate per il mobile

PWA Studio è un insieme di tool, che saranno rilasciati indipendentemente da Magento, che permettono di generare e gestire Web App Progressive , ovvero web app ottimizzate per l’uso da smartphone e che hanno lo scopo di migliorare l’engagement e il conversion rate per gli utenti mobili.

Questa feature si propone come progetto indipendente, disponibile su pwastudio.io , con tool di sviluppo appositi e che permetteranno di realizzare web app ottimizzate, performanti e soprattutto di ridurre i costi e l’effort di sviluppo.

Avere una Progressive Web App è ben diverso dall’avere un sito responsivo, adatto ovvero ad una navigazione su smartphone o tablet, perché si propone come applicazione vera e propria che, sebbene usi pagine web per la navigazione, può integrare funzionalità native del dispositivo su cui è in esecuzione.

PWA Studio
Una web app sviluppata con PWA Studio

Page Builder: costruire pagine in maniera visuale

L’assenza di un page builder per gestire le pagine CMS di Magento, è sempre stato un grosso limite della piattaforma, a cui alcuni sviluppatori hanno cercato di sopperire, proponendo  moduli di terze parti, spesso a pagamento.

Anche alcuni temi che puoi trovare su themeforest.net prevedono un page builder integrato.

Tuttavia questi presentano spesso grossi limiti, conflitti con altri moduli di terze parti e una non perfetta integrazione con Magento o incompatibilità dovuta agli aggiornamenti.

Il Page Builder è sicuramente una delle migliori novità Magento 2.3: però per ora è disponibile nativamente solo per Magento Commerce, ovvero la versione a pagamento della piattaforma e solo per un numero limitato di utenti (sarà disponibile per tutti gli utenti di Magento Commerce, a partire dalla 2.3.1).

Sarà invece a pagamento per la versione Open Source, ma non si sa bene in quali modalità.

Page Builder
Un’anteprima di Page Builder

Altre novità di Magento 2.3

  • GraphQL Api: Rappresenta un’alternativa alle api RESTful e SOAP già presenti nelle versioni precedenti di Magento. Tramite una singola richiesta alla piattaforma, gli sviluppatori saranno in grado di estrarre dati e informazioni strutturate in maniera più semplice ma soprattutto senza rallentamenti, anche su reti lente.
  • Declarative Schema: sono stati apportati miglioramenti nella gestione del database a fronte di aggiornamenti dei moduli installati o di Magento stesso. Sarà possibile salvare l’ultimo stato del database prima di applicare patch e aggiornamenti.
  • Web API Asincrone: si affiancano alle API sincrone attualmente esistenti. Gli sviluppatori potranno usarle in combinazione alle code, migrate anche esse su Magento Open Source.
  • Bulk Web APIs: è possibile da ora eseguire richieste massive al sistema, per caricare grosse moli di informazioni in maniera scalabile, senza quindi compromettere le prestazioni della piattaforma.
  • Sicurezza e ottimizzazioni varie: tramite Google reCAPTCHA e l’autenticazione a due fattori saranno impediti accessi indesiderati al sistema. Inoltre, tra le varie novità, sarà supportato PHP 7.2

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto quelle che sono le principali novità Magento 2.3.

Con questa nuova versione Magento fa un enorme passo avanti, riproponendosi, a mio avviso, ancora una volta, come piattaforma e-commerce superiore ai suoi diretti concorrenti, nonostante i suoi limiti che ho già discusso precedentemente.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, pertanto non esitare a lasciare un commento per farmi conoscere la tua opinione a riguardo o suggerimenti su come migliorarlo.

Se vuoi saperne di più

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, non esitare a contattarmi tramite il modulo che trovi a fondo pagina.

Ti ricordo inoltre che svolgo attività di consulenza su Magento E-Commerce, di cui puoi ottenere informazioni approfondite nella pagina dedicata.

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo sul tuo social preferito
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

nicolasodano

View posts by nicolasodano
Ingegnere informatico e imprenditore. Da più di dieci anni mi occupo di consulenza per soluzioni Cloud ed E-Commerce. "Nerd" doc, ho la mania dei pc e dei videogames.

Lascia un commento

nicolasodano
Scroll to top